Passa ai contenuti principali

Revenant - Redivivo



Tre Golden Globe (miglior film, miglior regia, miglior attore drammatico) e innumerevoli candidature agli oscar (tra cui miglior film, miglior attore protagonista, miglior regia, miglior fotografia) già prima dell'uscita in Italia (16 gennaio).
Altrettanti aneddotti interessanti: il film è stato girato solo in alcune ore del giorno perché regista e direttore della fotografia volevano girare con luce naturale per ottenere un effetto realistico, Di Caprio (vegano) ha dovuto mangiare fegato di bisonte, il regista è andato fuori budget, parte della troupe ha lasciato la pellicola ecc...
C'era qualche aspettativa.
Con Revenant, basato sull'omonimo romanzo di Michael Puncke, Iñárritu (premio Oscar 2015 per Birdman) ci narra la storia di Hugh Glass (Leonardo Di Caprio) cacciatore di pelli del North Dakota. Durante una spedizione lui e i suoi compagni vengono attaccati da un gruppo di indiani Ree e, durante la fuga tra le montagne, viene attaccato da un orso, ma nonostante le gravi ferite riesce a sopravvivere. Parte della compagnia va avanti, lasciando Glass nelle mani del figlio Hawk (avuto da una indiana) e altri due cacciatori: Bridger (Will Poulter) e Fitzgerald (Tom Hardy). Quest'ultimo uccide Hawk e lascia Glass indietro a morire.
Per tutto il resto del film vediamo Di Caprio che lotta contro la natura tremenda e indifferente, mosso solo dalla ricerca di vendetta.
Sentimento che muove anche altri personaggi come il capo dei Ree alla disperata ricerca della figlia.
Non è tanto la vendetta il fulcro del film, ma la Natura.
Matrigna, crudele, violenta, di una bellezza dolorosa, contro cui l'uomo combatte pur essendone parte, uccidendo altri uomini, sventrando cavalli per ripararsi dal freddo.
Il regista prostra Glass e lo spettatore durante la lotta per la sopravvivenza, feroce ed interminabile, spezzata da allucinazioni e flash-back.
Chi guarda è portato allo stremo, tanto che la pellicola dopo la prima ora inizia a farsi lenta e poco scorrevole.
Tutto questo realismo, estremo e drammaticamente esasperato risulta ad un certo punto poco coinvolgente.
Questa nota negativa è, tuttavia, compensata dalla potenza della fotografia (Emmanuel Lubetzki, The Tree of life, To the Wonder, Gravity) dalla mirabile interpretazione di Di Caprio e dai notevoli movimenti di macchina.
Più che una storia, Revenant è un'esperienza, sofferta.


Produzione: USA 2015
Regia: Alejandro Gonzàles Inarritu
Durata: 156 min.
Interpreti principali: Leonardo Di Caprio, Tom Hardy, Domhall Gleeson, Will Pouter, Paul Anderson
Sceneggiatura: Alejandro Gonzàles Iñárritu, Mark L. Smith.
Montaggio: Stephen Mirrione
Fotografia: Emmanuel Lubetzki
Musiche: Ryuichi Sakamoto, Bryce Dessner, Carsten Nicolai

Trailer:

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…